punto di partenza

Nulla è più anarchico del potere, il potere fa praticamente ciò che vuole e ciò che il potere vuole è completamente arbitrario, o dettatogli da sue necessità di carattere economiche che sfuggono alla logica comune (Pier Paolo Pasolini)

Silvio ha detto al suo avvocato: dille che le pagherò il prezzo che vuole, l’importante è che lei chiuda la bocca, che neghi tutto… Che io non ho mai visto una ragazza di 17 anni (Karima El Mahroug)

5 Milioni di Euro… per stare zitta! Estorsione? Ricatto? Può un paese civile avere un uomo di potere ricattato da una quasi coetanea mia (mi può essere cugina)? No, in Italia lo si invidia. Che il mondo lo sappia… altro che le palpitazioni concupiscenti o i bunga bunga. Questo è il vero scandalo! Come scandalosa è la proposta di bandire tutti quegli scrittori che sono andati contro la morale comune restando dalla parte di Battisti. Come scandalose sono molte altre cose eppure in Italia sono normali, eppure ci sono liberi pensatori giudicati come profetici. Non è che hanno ragione i miei genitori?

In Italia è sempre stato così, sarà sempre così. Cosa vuoi che cambi?

Molte cose, molte cose. Mi sto convincendo sempre di più che ci sia un solo modo, tra l’altro non mi piace neanche. Controvoglia devo raggiungere la mia felicità. Un tempo neanche avrei pensato che esistesse una felicità, buttiamola sull’ironia!

Annunci

per alzata di mani

Togliamo il reparto 5: 2314 sì contro 2305 no. Percentuali? 50,1% sì, 49,9% contro. Tutto questo su 4619 tute blu

Se vince il no con il 51% la FIAT non farà l’investimento a Mirafiori

Un solo sindacato contro tutti ma soprattutto contro la frase di sopra. Sfiorare il sorpasso… e questa la chiamate sconfitta? In Tunisia si scatena la guerra civile, in Italia si continua a non capire la differenza tra risata becera (Checco Zalone) e classe comica (Antonio Albanese). Torneremo agli anni ’70? Onestamente se la cercano

P.S. Tranquilli, verrà imitato Marchionne. Bentornati nell’era del cottimo, per sapere cos’è chiedete a Lulù Massa

top (20)10

E’ passata anche l’epifania, siamo nel 2011. I momenti migliori del mio 2010, almeno nella mia mente:

  1. 4 Agosto, Villa Fenaroli, Patti Snith. Nella mia memoria ancora il gilet di Lenny Kaye. Rovescio della medaglia? L’appello per Emergency
  2. 19 Giugno, Gussago Seven. Ballerine brasiliane, addio al celibato e coppa di vetro. Rovescio della medaglia? Una domanda: sobrio mi sarei divertito comunque?
  3. Data ignota, Torbole Casaglia. Impugno il microfono: “Non ho ancora cambiato idea sul mio presente: non è perfetto ma guai a chi me lo tocca”. Rovescio della medaglia? Non l’ho rifatto
  4. 1 Settembre, Stadio “Aldo Invernici” di Brescia, comincia la mia avventura ovale. Rovescio della medaglia? Il compenso di Garbo ed il giubbotto del CUS
  5. Data ignota, Tossa de Mar. Una sera dissi queste parole: “non preoccuparti, Kristi. E’ solo un momento, Kitty saprà perdonarti”. Guardando certe foto il senno di poi mi danno ragione. Rovescio della medaglia? Non saprei come scrivere queste parole in Ungherese. Emese, Kitty, Kristi, Virag, Vivi… thanks!
  6. 7 Marzo, Badia Polesine. La meta di Jorge. Non c’è rovescio della medaglia, visto che non ho avuto l’infarto.
  7. Data ignota, Brescia. Ad un concerto dei Diaframma: “Scusa, puoi spostarti?”, “No”. Rovescio della medaglia? Ci sarei dovuto essere io al posto di quella risposta illuminante, resta comunque una bella scena.
  8. Data ignota, Brescia. Alla “Notte Bianca” ho comprato il Girasole di Piero Ciampi. Rovescio della medaglia? Avevo bevuto veramente male quella sera.
  9. Data ignota, Biblioteca di Ospitaletto. Tanti incontri, uomo e donna. Rovescio della medaglia? Morosata con un altro per merito-colpa mia
  10. Data ignota, campo del CUS. 30 metri di corsa, passaggio a Flavio Molinari che va in meta. Rovescio della medaglia? L’unica mia apparizione con la maglia del CUS, per ora.

In ordine sparso, come mi venivano in mente. Il migliore? Vallo a sapere. Rovescio della medaglia? Un grande gruppo ma “Contaminazione” mi sta altamente sulle balle. Come rovinare un gruppo coi controcazzi